MarcheNews.it
Famiglia Gabrielli
Home » La Famiglia Gabrielli dona un milione di euro alle Marche per l’emergenza Coronavirus
Cronaca & Attualità Ultime Notizie

La Famiglia Gabrielli dona un milione di euro alle Marche per l’emergenza Coronavirus

La Famiglia Gabrielli risponde all’appello del presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli e dona un milione di euro per la realizzazione della nuova struttura ad Ancona, che ospiterà cento posti letto di terapia intensiva per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

Giancarlo e Luciano Gabrielli hanno voluto, in rappresentanza di tutta la famiglia, dare così una risposta pronta e immediata, dopo aver già provveduto a donare 30 posti letto complessivi destinati ai reparti di Terapia Intensiva ai presidi ospedalieri Mazzoni di Ascoli Piceno e Torrette di Ancona, nonché migliaia di mascherine che sono state prontamente donate anche ai nosocomi di San Benedetto del Tronto, Ascoli e Pescara oltre alle associazioni di volontariato.

La struttura di 100 posti letto per la terapia intensiva,  adatta alla lotta contro il Covid-19 deve essere realizzata in tempi estremamente brevi e quindi occorrono aiuti immediati – hanno detto i rappresentanti della famiglia Gabrielli – ed è per questo motivo che abbiamo deciso immediatamente di prendere una decisione che comporta l’erogazione di una donazione di un milione di euro. Noi siamo un’azienda ascolana e riteniamo questa iniziativa coerente con quanto abbiamo fatto sino ad ora per il nostro territorio. Siamo consapevoli che le Marche, la nostra comunità, è in una situazione di emergenza e quindi ci auguriamo di essere una delle realtà che darà concretamente vita a questa importante infrastruttura. Anzi, invitiamo le altre realtà imprenditoriali delle Marche a supportare l’iniziativa intrapresa dalla Regione“. 

Ieri la decisione è stata formalizzata nel corso di una riunione del consiglio di amministrazione della holding della Famiglia Gabrielli e oggi sarà inviata la lettera di adesione al progetto alla Regione Marche. La famiglia Gabrielli, ancora una volta, si è voluta rendere interprete delle istanze che giungono dal territorio in questo delicato momento.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Accetta Leggi qui